Christian martyrs - Algeria

WEDNESDAY, MAY 26, 2010

Maryam & Marzieh: Acquitted and free!


ir-maryam-mazrieh1Fourteen months after they were arrested for their Christian faith and activities, Maryam Rostampour and Marzieh Amirizadeh have been acquitted of all charges by the Iranian judicial authorities. However, they  were warned that any future Christian activity in Iran will be seriously dealt with.
[On] Saturday May 22, 2010, they left Iran and arrived safely in another country. Sam and Lin Yeghnazar, founders of Elam Ministries and spiritual parents to Maryam and Marzieh, met them at the airport. It was a tearful reunion.
“It was very emotional when we first saw them,” said Lin Yeghnazar, “Now, we want to see them rest and recover.”
Maryam and Marzieh are eager to thank Christians who have been praying for them. “We are most grateful to everyone who prayed for us,” Marzieh said, “I have no doubt that God heard the prayers of His people.” Maryam added, “I believe our arrest, imprisonment and subsequent release were in the timing and plan of God, and it was all for His glory. But the prayers of people encouraged and sustained us throughout this ordeal.”
Both young women have shown exceptional courage, daring to tell an Islamic judge that they would never deny their faith in Christ. When Sam Yeghnazar told them their example had encouraged countless people around the world, they were quick to respond, “We are frail human beings with many weaknesses. The honour and glory go to God who has kept and used us, although we don’t know why He has chosen us. All the glory goes to Him.”
Maryam and Marzieh were arrested in March 2009 because of their Christian faith and were repeatedly placed under great pressure to recant and deny Jesus Christ. They faced repeated interrogations, weeks in solitary confinement, and unhealthy prison conditions. Both became seriously sick during their imprisonment and did not receive the treatment they needed which greatly increased their suffering. Senior judges and officials also intimidated them.
Despite this, they remained faithful to Jesus Christ and did not deny Him. After their conditional release from prison in November 2009, they have had a very trying six months waiting for their case to be heard in an Islamic court where they could have been sentenced to prison again.
“We have seen the Lord do miracles over and over again. He kept us and gave us favour in prison, and sustained us during a very difficult period of waiting for our final trial,” said Marzieh.
Maryam and Marzieh have lived through many experiences during the last fourteen months. The days ahead are not certain. However, they are determined to serve the Lord and the Iranian church. “We hope to eventually share some of what the Lord allowed us to go through to highlight the need and the opportunity for the church in Iran, but right now we will take time to pray and seek the Lord for His will,” said Maryam.
Please continue to pray for Maryam and Marzieh to fully recover and continue in fruitful ministry. (Source: Elam Ministries)
Praise God for the release of these women! We encourage you to continue to pray for believers in Iran facing persecution because of their faith in Jesus. To find out more about Iran and for guidance on how to pray for its people, please click here. If you would like to post a prayer on VOM’s Persecuted Church Prayer Wall, please click here.

TUESDAY, MAY 18, 2010

Christian hostages released in Yemen

For nearly a year, VOM has been following the story of six Christian hostages -- a family of five from Germany and a British engineer -- who were kidnapped along with three other women in June 2009 (click here for moreyemen information).
It is the kind of story that caused a lot of fervent prayer and concern right from the beginning. With little to no updates on the situation of these believers as months went on, it was often difficult to know how to continue to most effectively pray for them. And yet, many believers around the world persisted in prayerfully beseeching the Lord on behalf of Johannes and Sabine, their children Lydia (6), Anna (4), Simon (2), and their friend Tony.
Today, it was reported that Lydia and Anna have been released!
Needless to say, this news is a cause of rejoicing for many. It is remarkable to readthat both of these young Christians are in “good health” and that there are plans to fly them home tomorrow. Praise God!
The need for prayer remains abundant, however, as young Simon is believed to have died. The status of Johannes and Sabine remains uncertain. And so we encourage you to continue to commit the situation into the hands of the Lord. Pray for guidance and comfort for Lydia and Anna. Pray that as they heal from the terrible ordeal they have endured, they will know the Lord's love in their lives. Pray for protection and health for their parents and for Tony. Pray for strength for the loved ones of these believers in these uncertain times—particularly amid the recent news regarding Simon.

TUESDAY, MAY 11, 2010

Petition to free Alim!

alimImagine that your son has been sentenced to 15 years in prison for a crime he didn’t commit. Alimujiang Yimiti’s mother, Wushuerhan, faced this harsh reality in the summer of 2009, when her son was forced to undergo two secret trials before being charged with leaking state secrets to foreigners and condemned to the maximum prison sentence by the Xinjiang Courts.
Alimujiang Yimiti is a Uyghur Christian, who converted from Islam in 1995. He and his wife Gulinuer led a house church ministry in Kashgar, Xinjiang, spreading messages of hope and peace in a region riddled with ethnic conflict and violence. Targeted for his minority faith and ethnicity, Alim has been persecuted unjustly in what his lawyer, Dr. Li Baiguang calls “the worst case of religious persecution in the past decade.”
Authorities seized Alimujiang from his home on January 11, 2008, holding him illegally for over one year on unfounded charges of illegally spreading religion in his hometown of Kashgar. Later, the charges were changed to “divulging state secrets to foreign individuals” based on a private conversation the Uyghur Christian pastor held with an American Christian friend.
For the past two years, Wushueran and Alim’s wife, Gulinuer, have petitioned police officers, government officials, and state agencies. But the officers refused to see them, even barring Alimujiang’s lawyers from visiting him in prison. Wushueran would travel miles from her hometown to stand at the gates of Alimujiang’s detention centre, crying aloud for his release, before guards could force her to leave.
On April 20, 2010, Wushueran, Gulinuer, and Alim’s two sons saw him for the first time in over two years. Barely recognizing his father, Alim’s four-year-old boy could only stare at the strange man, separated from him by a wall of glass. Wushueran encouraged her son to be strong, and Alim in turn comforted his family, not knowing when he would see them again.
Enraged by the injustice, Wushueran and Gulinuer now urge the international community to demand Alimujiang’s release. Hear their appeal for Alimujiang Yimiti, an innocent Uyghur Christian imprisoned for his faith, by watching the movie clip below.
Alimujiang faces a long and torturous separation from his family, simply for the colour of his skin and his profession of faith. In partnership with other concerned organizations around the world, VOM partner ChinaAid urges you to sign the petition to free Alim!
By raising our voices in petition for Alimujiang Yimiti, we the international community can build a brighter, more peaceful future for China and for the world. Add your voice to the thousands around the globe calling for justice today!
To sign the petition, learn more details on Alimujiang’s case, and discover other ways to get involved, please visit www.FreeAlim.com.

FRIDAY, MAY 7, 2010

Transient: A story of Assyrian Iraqi refugees

Just days ago, three buses in a convey transporting Christian students to the University of Mosul were targeted in a bomb attack. Nearly 160 people, at least 50 of them Christian students, were injured in the blasts. Radeef Hashim Mahrook, the owner of a car repair shop, was killed as he tried to help the students.

According to AFP, thousands of Christians protested in northern Iraq on Monday. "We are not a minority, we are an authentic part of the Iraqi people," said a banner at the demonstration. "We ask the prime minister (Nuri al-Maliki) to stop the tragedy of the Christians," it added.

As a recent graduate from university myself, the bomb attack on these students especially impacted me. When I walked the short distance from my residence to my classes, I didn't fear for my life or for the lives of my loved ones. I wasn't dealing with the fact that many from my community had fled the country, leaving everything behind. As I think of the students – some of them recovering in hospital, others now possibly planning their own exit voyage from Iraq – my heart aches that they have had to endure such violence instead of attending classes, going out with friends, and looking forward in anticipation for the future.

After reading about this latest attack on the Christian community in Iraq, I again watched a short online film called Transient that features interviews with Assyrian Iraqis who have fled for Syria. In this beautiful and haunting film, the Christians share the struggles they've faced, the new lives they are trying to build, and the future they envision for themselves and their country.

For me, one of the most devastating parts in the film is when a Christian man, sitting with his wife and two daughters, explains how they will eventually move away to another country. “We'll live there, far from our home, far from our history, far from our family, far from our history of 7,000 years,” he says. “And we'll die there as strangers.”

Hear their stories in their own words. You can watch Transient here.

THURSDAY, MAY 6, 2010

Nigerian president dies

Yesterday the world learned of the death of Nigeria’s president, Umaru Yar'Adua. Today, acting President Goodluck Jonathan -- who had been running the nation for months during Yar'Adua's illness -- was sworn in as president.
Those aware of the political and religious tensions in the nation, which recently culminated in horrific incidents of violence between Muslims and Christians (clickhere for more), have reacted to the news with much trepidation over how this sudden shift could intensify the instability. It is most certainly a time to lift up Nigeria in prayer.
  • Pray that the peace of Christ will continue to fill Nigeria, bringing forth reconciliation and stability
  • Pray that those in power will act justly toward all citizens
  • Pray that Christians in Nigeria will demonstrate God’s love, even amid adversity
  • Pray that one law, with equality for all, will govern the nation
The follow article gives an informative summary of some of the challenges Nigeria faces in light of the recent change in power:
Nigeria's shaky balance of power takes a hit as new president is sworn in
Reporting from Johannesburg, South Africa
Nigeria swore in Goodluck Jonathan as president Thursday after the death of his predecessor, sparking fears of a debilitating power struggle in the ruling party.
Politicians hailed the smooth power transfer, but the death of President Umaru Yar'Adua on Wednesday night after a long illness threw open the possibility of a fierce battle between the northerners and southerners in the ruling People's Democratic Party should Jonathan decide to run for the presidency in elections due next year.
If Jonathan contests, it would shatter an unwritten deal in the PDP, vital to Nigeria's political stability, which rotates the presidency for eight years to a leader from the mainly Christian south and eight years to someone from the mainly Muslim north.
The agreement, known as the "zoning" policy, was recently affirmed by the party and means an Islamic candidate should run as the PDP candidate because Yar'Adua, a Muslim, served less than four years.
But differences over the zoning policy between top ruling party figures underscore the divisions and unfolding battle for power.
Jonathan, a southerner who as vice president has been serving as the country's interim leader in recent months, has made no announcement on whether he intends to run. But some political figures in the ruling party and opposition said Thursday he would lose out on votes in the north, the country's larger voting constituency.
After he was sworn in Thursday, Jonathan said he took office in sad and unusual circumstances and described Yar'Adua as a man of integrity and humility. He declared a week of mourning.
Yar'Adua was due to be buried later Thursday in his northern home city of Katsina, where he presided as governor from 1999 to 2007 before taking office as president.
Yar'Adua's frequent bouts of illness undermined his presidency and prevented him from delivering on pledges to reform Nigeria, attack corruption and implement the rule of law.
He had suffered a kidney ailment since the 1990s. Last November, he flew to Saudi Arabia for medical treatment for pericarditis, inflammation of the sac around the heart. He failed to formally hand over executive powers to Jonathan and was never seen in public again.
The legislature's vote to hand executive powers to Jonathan in February was condemned by some lawyers as unconstitutional – and Yar'Adua's return soon after deepened the political crisis.
Presidential aides were accused of trying to cling to power, with Yar'Adua on his death bed. Jonathan was repeatedly prevented from meeting the president. Yar'Adua never addressed the public, and no clarity on his health was offered before Wednesday's announcement of his death.
PDP Chairman Vincent Ogbulafor said recently the presidency would remain with the north after the 2011 elections, in accordance with the zoning policy.
Nigeria, the world's eight-largest oil exporter and Africa's most populous nation with 150-million people, is almost equally divided between northern Muslims and southern Christians.
Since independence in 1960, the volatile and ethnically diverse nation has suffered chronic bouts of ill governance, whether by military or civilian rulers. Billions of dollars in oil wealth have been stolen or squandered by the corrupt political elite.
Yar'Adua was widely seen as a man of integrity and honesty. He came to office promising reform, but he lacked the political strength to counter widespread corruption.
In recent years, the country has been wracked by violence in the volatile oil-producing Niger Delta, with attacks on oil facilities and kidnappings by rebel groups demanding independence for the region. Yar'Adua, determined to increase flagging oil exports, succeeded in establishing a shaky peace in the region by introducing an amnesty for rebels, many of whom surrendered arms.
But there were other flare-ups, with renewed ethnic and religious violence in Plateau state, central Nigeria, that left hundreds dead in the last few months.
And in July last year, security forces violently crushed a rebellion in the north by an extremist Islamic group that calls itself Nigeria's Taliban. The group's leader and numerous others were apparently executed in captivity by security forces, undermining Yar'Adua's mantra of respect for the rule of law. On March 19, police were charged in the killings.
To read the rest of this report, click here

MONDAY, MAY 3, 2010

Christian human rights lawyer disappears again in China

cn-gao1-caaAccording to a recent report from The New York Times, Gao Zhisheng has again gone missing. Gao, a Christian human rights lawyer, has faced detention and torture from authorities for defending the rights of oppressed people in China (click here to find out more).
At this time, please bring Gao to the Lord in prayer. Pray for his health and safety. Pray too for continued strength for Gao’s family. Pray that they will keep their eyes on Jesus, persevere in their faith, and not grow weary or lose heart (Hebrews 10:32-39; Hebrews 12:1-3).
Gao Zhisheng, a prominent human rights lawyer whose 13-month disappearance at the hands of Chinese security agents stirred an international outcry until he resurfaced in March, has again vanished, his friends said Friday.
Associates said Mr. Gao failed to return to a Beijing apartment on April 20 after spending more than a week in Urumqi, the capital of the Xinjiang region in western China, where he had been visiting his father-in-law. Mr. Gao telephoned his father-in-law as his plane left Urumqi, saying he would call upon his arrival in Beijing, they said.
That appeared to be his last contact with the outside world. Li Heping, another Beijing human rights lawyer and a close friend, said he had visited Mr. Gao’s apartment repeatedly, but had not found him. “No one had been there for a while,” said Mr. Li, who last went to the apartment on Thursday. “I have no idea who to call, or who has taken him.”
Others said they were sure that the government had again removed him from public view and that the authorities’ earlier decision to allow him to resurface briefly had been a ploy to try to demonstrate to the outside world that he had not been mistreated.
“Now we understand that the freedom was arranged by the authorities just for a show,” Jiang Tianyong, a Beijing lawyer and rights activist, said by telephone. “He is missing again; he is still under their control. We must continue to pay attention to his case.”
An official of Amnesty International said Friday that the organization was “seriously concerned” for Mr. Gao’s safety.
“It’s a matter of serious concern when he loses contact with his family and friends,” the organization’s deputy director for Asia and Pacific programs, Catherine Baber, said in a telephone interview from London.
Mr. Gao, whose outspoken approach has made him a contentious figure, is one of the nation’s best-known activists. He has also been a ceaseless gadfly to Chinese authorities.
In the early 2000s he earned international attention, and the government’s enmity, for his legal work on behalf of marginalized citizens, including members of underground Christian churches and practitioners of Falun Gong, the spiritual movement that Chinese authorities say is an antigovernment cabal.
After Mr. Gao sent letters to President Hu Jintao and Prime Minister Wen Jiabao, accusing the government of persecuting Falun Gong members, he was stripped of his law license and sentenced to prison in late 2006 on charges of inciting subversion.
After being released, Mr. Gao said he had been tortured, adding that he had also been warned that discussing his torture publicly would result in his death.
China’s foreign minister, Yang Jiechi, denied those claims at a news conference in March. “There is no such thing as him being tortured,” he said.
Mr. Gao and his family were under constant surveillance and harassment after his release. Early last year his wife and two children escaped from China, eventually gaining asylum in the United States.
Mr. Gao disappeared shortly afterward. Despite pleas from the United States, the European Union and the United Nations, he was not seen again until he appeared in March at a Buddhist monastery in northern China.
In a telephone interview then with The New York Times, he said he had given up his work as a human rights defender and merely sought “to calm down and lead a quiet life.”
He refused to say whether he had suffered mistreatment while in captivity. In an April 7 interview with The Associated Press, he said simply, “I don’t have the capacity to persevere.”
But The South China Morning Post, based in Hong Kong, which first reported Mr. Gao’s disappearance on Friday, said in an article that he had been “quite outspoken” during an April 6 interview in his Beijing apartment, despite the near certainty that security agents were recording his conversation.
But the article said he had asked that details of his treatment by the authorities while in captivity not be made public. “If this is reported,” he was quoted as saying, “I’ll disappear again.”

Annual report on religious freedom in the world released

The U.S. Commission on International Religious Freedom (USCIRF) recently announced its 2010 recommendations to Congress, the White House, and the State Department that 13 nations -- Burma, China, North Korea, Eritrea, Iran, Iraq, Nigeria, Pakistan, Saudi Arabia, Sudan, Turkmenistan, Uzbekistan, and Vietnam -- be named “countries of particular concern,” or CPCs.
“Over the past few months USCIRF has visited a number of human rights ‘hot spots’ where freedom of religion is obstructed and related human rights are trampled,” said Leonard Leo, USCIRF chair.
USCIRF’s 2010 Annual Report documents serious abuses of freedom of thought, conscience, religion, and belief around the world. The report provides policy prescriptions for each nation on the CPC list.
Further, USCIRF announced that the following countries are on the 2010 USCIRF Watch List: Afghanistan, Belarus, Cuba, Egypt, India, Indonesia, Laos, Russia, Somalia, Tajikistan, Turkey, and Venezuela.
While not rising to the statutory level set forth in IRFA requiring designation as a “country of particular concern,” watch list countries require close monitoring due to the nature and extent of violations of religious freedom engaged in or tolerated by the governments.




MERCOLEDÌ 26 MAGGIO, 2010

Maryam e Marzieh: Assolto e gratuito!


ir-Maryam-mazrieh1Quattordici mesi dopo che sono stati arrestati per la loro fede cristiana e le attività, Maryam e Marzieh Rostampour Amirizadeh sono stati prosciolti da ogni accusa da parte delle autorità giudiziarie iraniane. Tuttavia, essi sono stati avvertiti che qualsiasi futura attività cristiana in Iran verrà seriamente affrontato.
[On] Sabato 22 maggio 2010, hanno lasciato l'Iran e arrivati ​​sani e salvi in ​​un altro paese. Sam e Lin Yeghnazar, fondatori dei Ministeri Elam e genitori spirituali a Maryam e Marzieh, li incontrò all'aeroporto. E 'stata una riunione piena di lacrime.
"E 'stato molto emozionante quando abbiamo visto loro," ha affermato Lin Yeghnazar, "Ora, noi vogliamo vederli riposare e recuperare."
Maryam e Marzieh sono desiderosi di ringraziare i cristiani che hanno pregato per loro. "Siamo molto grati a tutti coloro che hanno pregato per noi", Marzieh ha detto, "Non ho alcun dubbio che Dio ha ascoltato le preghiere del suo popolo." Maryam ha aggiunto, "credo che il nostro arresto, la detenzione e il successivo rilascio erano i tempi e il piano di Dio, ed era tutto per la Sua gloria. Ma le preghiere della gente ci ha incoraggiato e sostenuto in tutto questo calvario ".
Entrambe le giovani donne hanno dimostrato un coraggio eccezionale, il coraggio di dire a un giudice islamico che non avrebbero mai rinnegare la loro fede in Cristo. Quando Sam Yeghnazar detto loro che il loro esempio aveva incoraggiato innumerevoli persone in tutto il mondo, erano pronti a rispondere: "Siamo fragili esseri umani con molte debolezze. L'onore e gloria vanno a Dio che ha mantenuto e utilizzato noi, anche se non sappiamo perché Lui ci ha scelti. Tutta la gloria va a lui. "
Maryam e Marzieh sono stati arrestati nel marzo 2009 a causa della loro fede cristiana e sono stati ripetutamente sottoposti a forti pressioni per ritrattare e negare Gesù Cristo. Hanno affrontato ripetuti interrogatori, le settimane in isolamento, e le condizioni carcerarie malsane. Entrambi sono gravemente malati durante la detenzione e non ha ricevuto il trattamento di cui avevano bisogno che ha notevolmente aumentato la loro sofferenza. Alti magistrati e funzionari anche loro intimiditi.
Nonostante questo, sono rimasti fedeli a Gesù Cristo e non lo negano.Dopo la loro libertà condizionale dal carcere nel novembre 2009, hanno avuto una dura prova di sei mesi in attesa del loro caso di essere ascoltato in un tribunale islamico in cui avrebbero potuto essere condannato alla prigione.
"Abbiamo visto il Signore fa miracoli più e più volte. Lui ci teneva e ci ha dato favorire in carcere, e sostenuto nel corso di un periodo molto difficile di attesa per la nostra prova finale ", ha detto Marzieh.
Maryam e Marzieh hanno vissuto molte esperienze nel corso degli ultimi quattordici mesi. I giorni a venire non sono certi. Tuttavia, essi sono determinati a servire il Signore e la chiesa iraniano. "Speriamo di condividere alla fine alcuni di ciò che il Signore ci ha permesso di passare per evidenziare la necessità e l'opportunità per la chiesa in Iran, ma adesso ci vorrà del tempo per pregare e cercare il Signore per la Sua volontà", ha detto Maryam.
Vi preghiamo di continuare a pregare per Maryam e Marzieh a recuperare pienamente e continuare in fecondo ministero. (Fonte:Ministeri Elam )
Lode a Dio per la liberazione di queste donne! Vi incoraggiamo a continuare a pregare per i credenti in Iran di fronte persecuzione a causa della loro fede in Gesù.Per saperne di più su Iran e di orientamento sulle modalità di pregare per il suo popolo, per favore clicca qui . Se desiderate inviare una preghiera a Wall Chiesa perseguitata VOM di preghiera, per favore clicca qui .

MARTEDÌ 18 MAGGIO 2010

Ostaggi cristiani rilasciato in Yemen

Per quasi un anno, VOM ha seguito la storia di sei ostaggi cristiani - una famiglia di cinque dalla Germania e un ingegnere britannico - che sono stati rapiti insieme ad altre tre donne nel giugno 2009 (clicca qui per maggiori yemeninformazioni).
E 'il genere di storia che ha causato un sacco di fervida preghiera e di destra preoccupazione fin dall'inizio. Con poche e nessun aggiornamento sulla situazione di questi credenti come mesi continuava, era spesso difficile sapere come continuare a pregare nel modo più efficace per loro.Eppure, molti credenti in tutto il mondo si ostinava a preghiera implorando il Signore a nome di Johannes e Sabine, i loro figli Lydia (6), Anna (4), Simon (2), e il loro amico Tony.
Oggi, è stato riferito che Lydia e Anna sono stati liberati!
Inutile dire, questa notizia è motivo di gioia per molti. È sorprendente leggere che entrambi i giovani cristiani sono in "buona salute" e che ci sono piani per farli volare a casa domani. Lodate Dio!
La necessità della preghiera resta abbondante, tuttavia, come giovane Simon si crede che sia morto. Lo stato di Johannes e Sabine rimane incerta. E così vi incoraggiamo a continuare a commettere la situazione nelle mani del Signore.Pregate per la guida e comfort per Lydia e Anna. Pregate che come guarire dalla terribile prova che hanno dovuto sopportare, sapranno l'amore del Signore nella loro vita. Pregate per la protezione e la salute per i loro genitori e per Tony. Pregate per forza per le persone care di questi credenti in questi tempi di incertezza, soprattutto in mezzo la recente notizia riguardante Simon.

MARTEDÌ 11 MAGGIO 2010

Petizione per la liberazione di Alim!

AlimImmaginate che vostro figlio è stato condannato a 15 anni di prigione per un crimine che non ha commesso.Madre di Alimujiang Yimiti, la Wushuerhan, di fronte questa realtà dura nell'estate del 2009, quando suo figlio è stato costretto a subire due processi segreti, prima di essere accusato di divulgazione di segreti di stato agli stranieri e condannato alla pena detentiva massima dalle Corti Xinjiang.
Alimujiang Yimiti è un cristiano uigura, che si è convertito dall'islam nel 1995. Lui e sua moglie Gulinuer portato un ministero casa chiesa di Kashgar, Xinjiang, diffondendo messaggi di speranza e di pace in una regione piena di conflitti etnici e la violenza. Mirata per la sua fede ed etnia minoritaria, Alim è stato perseguitato ingiustamente in quanto il suo avvocato, il dottor Li Baiguang chiama "il peggior caso di persecuzione religiosa negli ultimi dieci anni."
Autorità Alimujiang sequestrato dalla sua casa il 11 gennaio 2008, che lo teneva illegalmente per oltre un anno per accuse infondate di diffondere illegalmente religione nella sua città natale di Kashgar. In seguito, le accuse sono state modificate per "divulgazione di segreti di Stato a soggetti stranieri" sulla base di una conversazione privata il pastore cristiano uigura detenuti presso un amico americano Christian.
Negli ultimi due anni, e la moglie Wushueran Alim, la Gulinuer, hanno fatto una petizione agenti di polizia, funzionari governativi e agenzie statali. Ma gli ufficiali rifiutarono di vederli, anche escludendo Alimujiang gli avvocati di fargli visita in carcere. Wushueran viaggerebbe miglia dalla sua città natale per stare alle porte del centro di detenzione Alimujiang, gridando ad alta voce per il suo rilascio, prima che le guardie potrebbe costringerla ad andarsene.
Il 20 aprile 2010, Wushueran, Gulinuer, e due figli Alim lo vide per la prima volta in oltre due anni. Appena riconosce suo padre, Alim di quattro-anno-vecchio ragazzo poteva solo guardare lo strano uomo, separato da lui da una parete di vetro.Wushueran incoraggiato suo figlio di essere forte, e Alim, a sua volta confortato la sua famiglia, non sapendo quando lui li avrebbe più rivisti.
Infuriato per l'ingiustizia, Wushueran e Gulinuer ora chiediamo alla comunità internazionale per chiedere il rilascio di Alimujiang. Ascoltate il loro appello per Alimujiang Yimiti, un innocente Uyghur cristiano in prigione per la sua fede, guardando il filmato qui sotto.
Alimujiang affronta una separazione lunga e tortuosa dalla sua famiglia, semplicemente per il colore della sua pelle e la sua professione di fede. In collaborazione con altre organizzazioni interessate in tutto il mondo, VOM partner di ChinaAid vi spinge a firmare la petizione per liberare Alim!
Aumentando le nostre voci in petizione per Alimujiang Yimiti, abbiamo la comunità internazionale può costruire più luminoso un futuro più sereno per la Cina e per il mondo. Aggiungi la tua voce alle migliaia in tutto il mondo che chiedono giustizia oggi!
Per firmare la petizione, apprendere maggiori dettagli sul caso Alimujiang, e scoprire altri modi di essere coinvolti, visitare il sito www.FreeAlim.com.

VENERDÌ 7 MAGGIO 2010

Transient: Una storia di rifugiati iracheni assiri

Solo pochi giorni fa, tre autobus in un veicolare il trasporto studenti cristiani all'Università di Mosul stati presi di mira in un attentato dinamitardo . Quasi 160 persone, almeno 50 di essi gli studenti cristiani sono stati feriti nelle esplosioni.Radeef Hashim Mahrook, il proprietario di un negozio di riparazione di auto, è stato ucciso mentre cercava di aiutare gli studenti.

Secondo l' AFP , t Migliaia di cristiani hanno protestato nel nord dell'Iraq il Lunedi."Non siamo una minoranza, siamo una parte autentica del popolo iracheno", ha detto uno striscione alla manifestazione. "Chiediamo al primo ministro (Nuri al-Maliki) per fermare la tragedia dei cristiani", ha aggiunto.

Come un neo-laureato all'università me stesso, l'attentato di questi studenti mi ha colpito particolarmente. Quando entrai la breve distanza dalla mia residenza a mie classi, non ho paura per la mia vita o per la vita dei miei cari. Non aveva a che fare con il fatto che molti della mia comunità aveva lasciato il paese, lasciando tutto alle spalle. Quando penso degli studenti, alcuni dei quali ricoverato in ospedale, altri ora probabilmente pianificando il loro viaggio proprio l'uscita dall'Iraq - il mio cuore soffre che hanno dovuto subire tale violenza, invece di frequentare le lezioni, uscire con gli amici, e guardando in avanti anticipazione per il futuro.

Dopo aver letto su questo ennesimo attacco alla comunità cristiana in Iraq, ho di nuovo visto un cortometraggio online chiamato Transient caratteristiche che le interviste con gli iracheni che sono fuggiti Assira per la Siria. In questo film bello e inquietante, la quota di cristiani, le lotte che hanno affrontato, le nuove vite che stanno cercando di costruire, e il futuro si immagina per se stessi e il loro paese.

Per me, una delle parti più devastanti del film è quando un uomo cristiano, seduto con la moglie e due figlie, spiega come alla fine si allontanano in un altro paese."Faremo vivere lì, lontano dalla nostra casa, lontano dalla nostra storia, lontano dalla nostra famiglia, lontano dalla nostra storia di 7.000 anni," dice. "E faremo morire lì come estranei."

Ascoltare le loro storie con parole proprie. Puoi guardare Transient qui .

GIOVEDI, MAY 6, 2010

Presidente nigeriano muore

Ieri il mondo ha appreso della morte del presidente della Nigeria, Umaru Yar'Adua.Oggi, recitazione presidente Goodluck Jonathan - che era già in marcia la nazione per mesi durante la malattia Yar'Adua - ha prestato giuramento come presidente.
Chi è consapevole delle tensioni politiche e religiose nella nazione, che ha recentemente culminato in episodi orribili di violenza tra musulmani e cristiani (clicca qui per maggiori dettagli), hanno reagito alla notizia con molta trepidazione su come questo cambiamento improvviso potrebbe intensificare l'instabilità. E 'certamente un momento di alzare la Nigeria nella preghiera.
  • Pregate che la pace di Cristo continuerà a riempire Nigeria, portando avanti la riconciliazione e la stabilità
  • Pregate che chi detiene il potere agisce con giustizia verso tutti i cittadini
  • Pregate che i cristiani in Nigeria a dimostrare l'amore di Dio, pur tra le avversità
  • Pregate che una legge, con l'uguaglianza per tutti, sarà governare la nazione
L'articolo follow fornisce un quadro informativo su alcune delle sfide Nigeria si trova ad affrontare alla luce del recente cambio di potere:
L'equilibrio traballante Nigeria del potere prende un colpo, come nuovo presidente presta giuramento
Segnalazione da Johannesburg, Sud Africa
Nigeria Goodluck Jonathan ha giurato in qualità di presidente Giovedi dopo la morte del suo predecessore, innescando timori di una lotta di potere debilitante nel partito di governo.
I politici salutato il trasferimento regolare di potere, ma la morte del presidente Umaru Yar'Adua Mercoledì sera dopo una lunga malattia spalancò la possibilità di una feroce battaglia tra settentrionali e meridionali del Partito Democratico del Popolo al potere popolare deve Jonathan decide di correre per la presidenza in elezioni previste il prossimo anno.
Se concorsi Jonathan, sarebbe distruggere un affare non scritta nel PDP, vitale per la stabilità politica della Nigeria, che ruota la presidenza per otto anni ad un leader della maggioranza cristiana a sud e otto anni a qualcuno dal nord a maggioranza musulmana.
L'accordo, noto come la politica di "zonizzazione", è stato recentemente affermato dal partito e significa un candidato islamico dovrebbe funzionare come il candidato PDP perché Yar'Adua, un musulmano, hanno meno di quattro anni.
Ma le differenze sulla politica di zonizzazione tra vertici del partito al governo sottolineano le divisioni e le battaglie per il potere dispiegarsi.
Jonathan, un meridionale che ha come vice presidente ha servito come leader provvisorio del paese negli ultimi mesi, non ha fatto alcun annuncio sul se intende correre. Ma alcune figure politiche del partito al governo e l'opposizione ha detto Giovedi avrebbe perso sul voto del nord, voto elettorale più grande del paese.
Dopo essere stato giurato in Giovedi, Jonathan ha detto che si è insediato in circostanze tristi ed insolite Yar'Adua e descritto come un uomo di integrità e umiltà. Egli ha dichiarato una settimana di lutto.
Yar'Adua avrebbe dovuto essere sepolto in seguito Giovedi nella sua città settentrionale di Katsina, dove ha presieduto come governatore 1999-2007 prima di assumere l'incarico di presidente.
Yar'Adua frequenti attacchi di malattia minato la sua presidenza e gli impediva di fornire alle promesse di riforma Nigeria, attacco alla corruzione e mettere in atto lo stato di diritto.
Aveva sofferto di un disturbo ai reni dal 1990. Lo scorso novembre, è volato in Arabia Saudita per cure mediche per la pericardite, un'infiammazione del sacco intorno al cuore. Non è riuscito a consegnare formalmente dei poteri esecutivi al Jonathan ed è stato mai visto in pubblico.
Il voto del legislatore di consegnare poteri esecutivi a Jonathan nel mese di febbraio è stato condannato da alcuni avvocati come incostituzionale - e il ritorno Yar'Adua subito dopo approfondito la crisi politica.
Collaboratori presidenziali sono stati accusati di cercare di aggrapparsi al potere, con Yar'Adua sul suo letto di morte. Jonathan è stato più volte impedito di incontrare il presidente. Yar'Adua mai affrontato il pubblico, e nessuna chiarezza sul suo stato di salute è stato offerto prima dell'annuncio Mercoledì della sua morte.
PDP presidente Vincent Ogbulafor ha detto di recente la presidenza rimarrebbe con il nord dopo le elezioni del 2011, in conformità con la politica di zonizzazione.
Nigeria, otto al mondo più grande esportatore di petrolio e la nazione più popolosa dell'Africa, con 150 milioni di persone, è quasi equamente diviso tra musulmani e cristiani del sud a nord.
Dalla sua indipendenza nel 1960, la nazione etnicamente diversificata volatile e ha subito attacchi cronici di mal governo, sia per i governanti militari o civili. Miliardi di dollari di ricchezza del petrolio sono stati rubati o sperperati dalla elite politica corrotta.
Yar'Adua è stato ampiamente visto come un uomo di integrità e onestà. Egli è venuto per la riforma ufficio promettente, ma gli mancava la forza politica per contrastare la corruzione diffusa.
Negli ultimi anni, il paese è stato devastato dalla violenza del volatile, produttori di petrolio del Delta del Niger, con attacchi agli impianti petroliferi e rapimenti da parte di gruppi ribelli che chiedevano l'indipendenza per la regione. Yar'Adua, determinato ad aumentare le esportazioni di petrolio segnalando, riuscì a stabilire una pace traballante nella regione con l'introduzione di un'amnistia per i ribelli, molti dei quali si arrese armi.
Ma c'erano altre fiammate, con rinnovata violenza etnica e religiosa in stato di Plateau, Nigeria centrale, che ha lasciato centinaia di morti negli ultimi mesi.
E nel luglio dello scorso anno, le forze di sicurezza violentemente schiacciato una ribellione nel nord da un gruppo estremista islamico che si autodefinisce Nigeria talebani. Il leader del gruppo e numerosi altri sono stati eseguiti a quanto pare in cattività dalle forze di sicurezza, minando mantra Yar'Adua di rispetto dello Stato di diritto. Il 19 marzo, la polizia sono stati accusati negli omicidi.
Per leggere il resto di questo report, fare clic qui

LUNEDI, MAY 3, 2010

Christian avvocato dei diritti umani scompare di nuovo in Cina

cn-gao1-CAASecondo un recente rapporto del New York Times , Gao Zhisheng è di nuovo scomparso. Gao, un cristiano avvocato dei diritti umani, ha affrontato la detenzione e la tortura da parte delle autorità per la difesa dei diritti dei popoli oppressi in Cina ( clicca qui per saperne di più).
In questo momento, siete pregati di portare Gao al Signore nella preghiera. Pregate per la sua salute e la sicurezza. Pregate anche per la forza costante per la famiglia di Gao. Pregate che non mancherà di tenere gli occhi su Gesù, perseverano nella loro fede, e non stancarsi o perdere il cuore (Ebrei 10:32-39; Ebrei 12,1-3).
Gao Zhisheng, un eminente avvocato dei diritti umani di cui 13 mesi scomparsa per mano di agenti della sicurezza cinesi suscitato una protesta internazionale fino a quando riemerse a marzo, ha nuovamente svanito, i suoi amici ha detto Venerdì.
Associates ha dichiarato Gao non è riuscito a tornare in un appartamento di Pechino il 20 aprile dopo aver trascorso più di una settimana a Urumqi, la capitale della regione di Xinjiang, nella Cina occidentale, dove era stato in visita il padre-in-law. Mr. Gao ha telefonato il padre-in-law come il suo aereo ha lasciato Urumqi, dicendo che avrebbe chiamato al suo arrivo a Pechino, hanno detto.
Questo sembrava essere il suo ultimo contatto con il mondo esterno. Li Heping, un altro avvocato dei diritti umani di Pechino e un amico vicino, ha detto di aver visitato l'appartamento del signor Gao più volte, ma non lo aveva trovato. "Nessuno era lì per un po '", ha detto il signor Li, che lo scorso andò a casa il Giovedi. "Non ho idea di chi chiamare, o che lo ha preso."
Altri hanno detto che erano sicuri che il governo aveva di nuovo gli rimosso dalla vista del pubblico e che la precedente decisione delle autorità per consentire loro di riemergere brevemente era stato un espediente per cercare di dimostrare al mondo esterno che non era stata maltrattata.
"Ora abbiamo capito che la libertà è stato organizzato dalle autorità solo per uno spettacolo," Jiang Tianyong, avvocato di Pechino e attivista per i diritti, ha detto al telefono. "E manca ancora una volta, egli è ancora sotto il loro controllo. Dobbiamo continuare a prestare attenzione al suo caso. "
Un funzionario di Amnesty International ha detto Venerdì che l'organizzazione è stata "seriamente preoccupato" per la sicurezza Mr. Gao.
"E 'una questione di seria preoccupazione quando si perde il contatto con la sua famiglia e gli amici," vice direttore dell'organizzazione per l'Asia e del Pacifico programmi, Catherine Baber, ha detto in un'intervista telefonica da Londra.
Mr. Gao, il cui schietto approccio ha fatto di lui una figura controversa, è una delle nazione più noti attivisti. E 'stato anche un tafano incessante alle autorità cinesi.
Nei primi anni 2000 ha guadagnato l'attenzione internazionale, e l'inimicizia del governo, per il suo lavoro legale a nome dei cittadini emarginati, compresi i membri delle chiese cristiane sotterranee e praticanti del Falun Gong, movimento spirituale che le autorità cinesi dicono è una cospirazione antigovernativa.
Dopo Mr. Gao ha inviato lettere al presidente Hu Jintao e il primo ministro Wen Jiabao, accusando il governo di perseguitare i membri del Falun Gong, è stato spogliato della sua patente di legge e condannati al carcere a fine 2006 con l'accusa di incitamento alla sovversione.
Dopo essere stato rilasciato, Mr. Gao ha detto che era stato torturato, aggiungendo che aveva anche avvertito che discutere pubblicamente la sua tortura si tradurrebbe nella sua morte.
Ministro degli Esteri cinese, Yang Jiechi, ha negato tali affermazioni in una conferenza stampa a marzo. "Non esiste una cosa come lui di essere torturato", ha detto.
Mr. Gao e la sua famiglia erano sotto costante sorveglianza e le molestie dopo la sua liberazione. All'inizio dello scorso anno la moglie ei due figli fuggiti dalla Cina, alla fine guadagnando l'asilo negli Stati Uniti.
Mr. Gao scomparso poco dopo. Nonostante gli appelli provenienti dagli Stati Uniti, l'Unione europea e le Nazioni Unite, non fu più visto fino a che apparve in marzo a un monastero buddista nel nord della Cina.
In una intervista telefonica poi con il New York Times, disse che aveva rinunciato al suo lavoro come difensore dei diritti umani e semplicemente cercato "di calmarsi e di condurre una vita tranquilla."
Ha rifiutato di dire se aveva sofferto maltrattamenti, mentre in cattività. In un'intervista 7 aprile con l'Associated Press, ha detto semplicemente: "non ho la capacità di perseverare".
Ma Il South China Morning Post, con sede a Hong Kong, che per primo ha segnalato la scomparsa Mr. Gao il Venerdì, ha detto in un articolo che era stato "abbastanza apertamente" durante un'intervista 6 aprile nel suo appartamento di Pechino, nonostante la quasi certezza che la sicurezza agenti sono stati registrando la conversazione.
Ma l'articolo ha detto che aveva chiesto che i dettagli del suo trattamento da parte delle autorità, mentre in cattività non essere resi pubblici. "Se questo è riportato," è stato citato come dicendo, "io scomparirò di nuovo".

Relazione annuale sulla libertà religiosa nel mondo rilasciata

La Commissione USA sulla libertà religiosa internazionale ( USCIRF ) ha recentemente annunciato i suoi 2010 raccomandazioni al Congresso, la Casa Bianca e del Dipartimento di Stato che 13 nazioni, Birmania, Cina, Corea del Nord, Eritrea, Iran, Iraq, Nigeria, Pakistan, Arabia Saudita , Sudan, Turkmenistan, Uzbekistan e Vietnam - si chiamerà "paesi che destano particolare preoccupazione", o CPC.
"Negli ultimi mesi USCIRF ha visitato un certo numero di 'punti caldi' dei diritti umani in cui è ostacolato la libertà di religione e relativi diritti umani vengono calpestati", ha detto Leonard Leo, presidente dell'USCIRF.
USCIRF del bilancio 2010 documenta gravi violazioni della libertà di pensiero, coscienza, religione e credo in tutto il mondo. Il rapporto fornisce le prescrizioni di politica per ogni nazione sulla lista CPC.
Inoltre, USCIRF ha annunciato che i seguenti paesi sono sulla lista USCIRF 2010 Watch: Afghanistan, Bielorussia, Cuba, Egitto, India, Indonesia, Laos, Russia, Somalia, Tagikistan, Turchia e Venezuela.
Pur non entrando nel livello di legge di cui in IRFA necessitano di una designazione come un "paese di particolare preoccupazione", guardare lista dei paesi richiedono un attento monitoraggio a causa della natura e la portata delle violazioni della libertà religiosa commesso o tollerato dai governi.


Questo Blog
Collegato From Here
Persecuzione Related Links
22 giugno 2012
Pregate per l'Algeria. Algeria ottenne l'indipendenza dalla Francia nel 1962 dopo una guerra amara di liberazione. Un partito unico regime socialista sostenuto dall'esercito al potere da oltre 25 anni. Fallimento economico e gli abusi politici di...
1 Marzo 2012
La Chiesa protestante di Ouargla in Algeria orientale, è stato vandalizzato da un numero imprecisato di uomini armati la sera del 1 ° febbraio riporta International Christian Concern. Dopo gli assalitori hanno sfondato la porta, ...
10 mag 2012
Un evangelista in Algeria si è fortemente impegnata nella lotta al Signore dopo mesi in seguito ad alcune persecuzioni per la sua fede, riporta VOM-USA. "Azad" era stato un credente per diversi anni, ma si scoraggiò, dopo ...
9 dicembre 2011
Gerard è un lavoratore cristiana in Algeria. Nel 2006, il governo ha approvato una nuova legge che diceva le chiese devono registrarsi presso il governo. Ma le autorità non ha concesso molte chiese di registrazione, in modo che le chiese hanno continuato ...
1
2
3
4



Algeria

 25 10
 
Protests against the regime in January 2011 left five dead and over 800 injured, but the government remains in control. The church, mostly first-generation believers from a Muslim background, faces many forms of discrimination. There were reports of churches being ordered to close and Christians arrested. A restrictive religious law makes evangelism risky and effectively outlaws house churches. In May, a Christian convert was sentenced to five years in prison for giving a Christian CD to a neighbor.
Pray:
  • Islamic groups, encouraged by the Arab Spring, are increasing pressure on the government. Pray that the authorities would have wisdom in dealing with such groups.
  • That discipleship and leadership training programs supported by Open Doors will strengthen the church to stand firm.
  • Praise God for the amazing growth of the Algerian church despite the difficulties it faces.



Algeria

 25 10
 
Le proteste contro il regime nel gennaio 2011 ha lasciato cinque morti e oltre 800 feriti, ma il governo rimane in controllo. La chiesa, per lo più di prima generazione credenti provenienti da un contesto musulmano, affronta molte forme di discriminazione. Ci sono state segnalazioni di chiese di essere ordinati per chiudere e cristiani arrestati. Una legge restrittiva religiosa rende l'evangelizzazione rischioso ed efficace chiese domestiche fuorilegge. In maggio, un convertito al cristianesimo è stato condannato a cinque anni di carcere per dare un CD cristiana ad un vicino.
Pregate:
  • Gruppi islamici, incoraggiati dalla primavera araba, stanno aumentando la pressione sul governo. Pregate che le autorità avrebbero saggezza nel trattare con questi gruppi.
  • Che i programmi di formazione discepolato e la leadership supportati da Open Doors rafforzerà la chiesa di stare ferma.
  • Lode a Dio per la crescita sorprendente della Chiesa algerina, nonostante le difficoltà che deve affrontare.



Algeria

 
A partire dal dicembre 2010, importanti proteste in Algeria contro il regime autoritario hanno portato a un’abrogazione dello stato d’emergenza imposto da 19 anni da parte delle autorità algerine, in seguito ai brutali conflitti con i ribelli islamici negli anni ‘90. Le suddette proteste, nel corso delle quali sono morte 5 persone e più di 800 sono rimaste ferite,  si sono fermate dopo pochi mesi a causa di una massiccia repressione da parte della polizia. A differenza dei paesi vicini, le proteste non hanno prodotto un cambio di regime. Il regime militare comandato dal presidente Abdelaziz Bouteflika è ancora al suo posto e la sua continuità non è mai stata minacciata dall’abrogazione dello stato di emergenza, sebbene sia d’importanza simbolica.
Il clima politico in Algeria è stato recentemente caratterizzato da elevata instabilità, ma l’oppressione dei cristiani è rimasta inalterata. I responsabili di Chiesa indicano un aumento della pressione sui cristiani e la chiusura di molte opportunità. La giovanissima Chiesa algerina (in gran parte composta da cristiani di prima generazione) affronta molte forme di discriminazione da parte dello stato e delle famiglie. Gruppi islamisti, soprattutto salafiti, incoraggiati dalla Primavera Araba in altri paesi del Nord Africa, stanno aumentando la loro pressione sul governo  che collabora già con partiti islamici; tuttavia il Fronte Islamico di Salvezza (FIS) è ancora fuorilegge. Gli islamisti stanno diventando più visibili e controllano le attività dei cristiani.
L’Algeria è scesa alla posizione 23 dopo essere stata alla 22 nella precedente WWL, ma vede un aumento di punteggio. Nel 2011 per i cristiani in Algeria la situazione si è leggermente deteriorata, abbiamo registrato un aumento di casi di persecuzione. Il processo a Karim Siaghi, un cristiano ex musulmano che era stato condannato a 5 anni di prigione in maggio, ne è un esempio. Ha dato un CD cristiano a un vicino, su richiesta di quest’ultimo, che ha in seguito dichiarato che Siaghi ha insultato Maometto. Un altro esempio di persecuzione è la chiusura delle chiese ordinata dal governatore della provincia di Bejaïa; lui ha dichiarato illegali tutte le chiese dalla provincia perché non registrate. Il governo non ha più permesso la registrazione di nuove chiese da quando è entrata in vigore l’ordinanza 06-03 nel febbraio 2008, molti cittadini cristiani continuano a incontrarsi in comunità familiari non ufficiali, che spesso sono case o uffici commerciali di membri della Chiesa. Alcuni gruppi s’incontrano apertamente, mentre altri tengono culti in segreto nelle case.
L’apparente buona notizia che finalmente l’EPA (Chiesa Protestante Algerina) ha ottenuto il riconoscimento dopo molti anni si è rivelata una delusione. Sebbene non siano note le ragioni precise che hanno indotto il governo centrale a riconoscere l’EPA come concilio di Chiese protestanti, si ritiene che il governo volesse dare una buona impressione agli osservatori internazionali. Tuttavia non c’è una reale libertà e le Chiese locali devono comunque ottenere la propria registrazione. Il riconoscimento dell’EPA comporta infatti maggiori controlli. A livello locale la pressione si è intensificata e nessuna Chiesa affiliata all’EPA è stata registrata. Riceviamo rapporti di Chiese locali che vengono chiuse e di missionari arrestati. L’ordinanza 06-03 molto restrittiva che proibisce il proselitismo è ancora in vigore. Per il prossimo anno, non ci si aspettano significativi miglioramenti per la situazione dei cristiani algerini.



Algeria

Algeria gained independence from France in 1962 after a bitter war of liberation. A one-party socialist regime backed by the army held power for more than 25 years. Economic failure and political abuses of power provoked widespread agitation for change. Islamists won the 1992 elections, but the army intervened, and an ensuing civil war caused more than 100,000 deaths.
The current president appears to be accommodating militant Islamist groups. Freedom of religion is dwindling since legal changes in 2006. The Algerian National Assembly passed a presidential order in 2006 that requires all non-Muslim religious groups to register with the government and be officially approved. These groups must meet in government-sanctioned buildings under a government-approved pastor. Believers now face threats and intimidation by the government, family, friends, employers and Muslim extremists.
In January 2008, an intense media campaign against the church began as newspapers carried articles expressing concern about the growth of Christianity. Intense persecution followed—house churches were closed by authorities, several believers were arrested and some were formally charged with insulting Islam. The government has not allowed any new church buildings to be built and all newer churches that exist in Algeria today are house churches.
Persecution is intensifying, as Islamist groups become increasingly intolerant of other expressions of faith. Catholics and the Protestant Church of Algeria are the only Christian bodies officially recognized. Muslim fundamentalists are strongly agitating for the institution of Islamic Shariah law.

Prayer Requests

  • Pray God will use the current restrictions to draw many more Algerians into a relationship with Christ. Pray for conversions to Jesus among powerful Islamist leaders in Algeria.
  • Pray Algerian believers will respond to pressure with faith and perseverance.
  • Pray for the nation’s young people, who make up 65 to 70 percent of the population (and a large majority of Christians). Pray they will not be frustrated or disillusioned, but rather strengthened and encouraged in Christ Jesus.
E-mailPrint
 

ALGERIA PROFILE

Location
North Africa
Population
34,994,937 (July 2011 est.)
Ethnicity (%)Aran-Berber (99), European (<1)
Religions (%)Islam (96.1), Non-religious (3.5), Christianity (0.4)
Leader
President Abdelaziz Bouteflika
Government typeRepublic
Legal systemSocialist, based on French and Islamic law
Statistics provided by CIA World Factbook, Joshua Project andOperation World.



Algeria

Algeria ottenne l'indipendenza dalla Francia nel 1962 dopo una guerra amara di liberazione. Un partito unico regime socialista sostenuto dall'esercito al potere da oltre 25 anni. Fallimento economico e gli abusi di potere politico provocato agitazione diffusa di cambiamento. Islamisti ha vinto le elezioni del 1992, ma l'esercito intervenne, e una conseguente guerra civile ha causato oltre 100.000 morti.
L'attuale presidente sembra essere accomodante gruppi militanti islamici. La libertà di religione sta diminuendo poiché i cambiamenti legali nel 2006. La nazionale algerina Assemblea ha approvato un ordine presidenziale del 2006 che impone a tutti i gruppi religiosi non musulmani a registrarsi presso il governo ed essere ufficialmente approvato. Questi gruppi devono rispondere in edifici approvate dal governo nel quadro di un pastore approvati dal governo. I credenti trovano ora ad affrontare minacce e intimidazioni da parte del governo, famiglia, amici, datori di lavoro e gli estremisti islamici.
Nel gennaio 2008, un'intensa campagna mediatica contro la Chiesa iniziò come giornali effettuato articoli che esprimono preoccupazione per la crescita del cristianesimo. Intense persecuzione seguita interni chiese sono state chiuse dalle autorità, diversi fedeli sono stati arrestati e alcuni sono stati formalmente accusati di aver insultato l'Islam. Il governo non ha permesso le nuove chiese da costruire e di tutte le chiese più recenti che esistono in Algeria oggi sono chiese domestiche.
La persecuzione si sta intensificando, come gruppi islamici diventano sempre più intollerante verso le altre espressioni di fede. I cattolici e la Chiesa protestante d'Algeria sono gli unici soggetti cristiane ufficialmente riconosciute. Fondamentalisti islamici sono fortemente agitando per l'istituzione della legge islamica della Sharia.

Richieste di preghiera

  • Pregate Dio userà le attuali restrizioni di trarre molti algerini più in un rapporto con Cristo. Pregate per la conversione a Gesù tra i potenti leaders islamici in Algeria.
  • Pregate credenti algerini risponderà alla pressione con fede e perseveranza.
  • Pregate per i giovani della nazione, che rappresentano il 65 al 70 per cento della popolazione (e la grande maggioranza dei cristiani). Prega che non saranno frustrati o delusi, ma piuttosto rafforzata e incoraggiata in Gesù Cristo.
E-mailStampa



  1. The Voice of the Martyrs Canada: Algerian Christian finds hope ...

    vomcblog.blogspot.com/.../algerian-christian-fi... - Traduci questa pagina
    10 May 2012 – An evangelist in Algeria has recommitted himself to the Lord after struggling for months following some persecution for his faith, reports ...
  2. The blood of love , The Martyrs of Algeria 1994-1996

    www.africamission-mafr.org/sang_martyrgb.htm - Traduci questa pagina
    This booklet presents a group of nineteen martyrs of the Church of Algeria... “Dear Brother Henri was an authentic witness to the love of Christ, to the absolute ...
  3. The Voice of the Martyrs Canada :: Algeria :: Providing Information ...

    www.persecution.net/algeria.htm - Traduci questa pagina
    The Voice of the Martyrs Canada serves today's Persecuted Church in nations ...Catholics and the Protestant Church of Algeria are the only Christian bodies ...
  4. Christian martyrs for the Islamic world | CatholicHerald.co.uk

    www.catholicherald.co.uk/.../christian-martyrs-... - Traduci questa pagina
    1 Jul 2010 – I tell their moving story in my book, Christian Martyrs for a Muslim People, the story of their love for their Muslim neighbours in Algeria.
  5. Amazon.com: Christian martyrs - Algeria - Tibhirine - Biography: Books

    www.amazon.com/s?...n%3A283155%2Ck%3... - Traduci questa pagina
    Amazon.com: Christian martyrs - Algeria - Tibhirine - Biography: Books.
  6. Amazon.com: Christian martyrs - Algeria - Tibehirine: Books

    www.amazon.com/s?...n%3A283155%2Ck%3... - Traduci questa pagina
    Amazon.com: Christian martyrs - Algeria - Tibehirine: Books.
  7. AlgeriaChristians Sentenced - Voice of the Martyrs

    www.persecution.com/.../newsroom.aspx?story... - Traduci questa pagina
    28 Dec 2010 – The Christians, a Protestant clergyman and three of his parishioners, were convicted under a controversial 2006 law. The law requires that ...
  8. Amazon.ca: Christian martyrs - Algeria - Tibhirine - Biography: Books

    www.amazon.ca/christian-martyrs-algeria.../s?... - Traduci questa pagina
    Amazon.ca: Christian martyrs - Algeria - Tibhirine - Biography: Books.
  9. Dom Donald's Blog: Algerian Martyrs - “Sacrament of Encounter”

    nunraw.blogspot.com/.../algerian-martyrs-sacra... - Traduci questa pagina
    20 May 2010 – The Algerian Martyrs and the “Sacrament of Encounter” ... The Vatican II Church sent out martyrs to serve a non-Christian people, and these ...
  10. Believer awaits appeal decision after 'shaking the faith' of Muslims

    www.mnnonline.org/article/17105 - Traduci questa pagina
    23 Apr 2012 – Voice of the Martyrs, Canada and Voice of the Martyrs, USA recently cited two ... An Algerian Christian was sentenced to five years in prison for ...
  11. Risultati tradotti dall'inglese per la ricerca di:
    Algeria christian martyrs

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
YouTube

YouTube

554910iscritti
68310026visualizzazioni video












  • NoahTheNephilim 
    NoahTheNephilim ha pubblicato un commento 
    1 secondo fa
    @ YHWH my holy God, etc. .. -> Jesus is Lord! Jesus is the King of Glory ! Jesus is the King of Kings! This is a very beautiful song . This is love for Jesus. All Glory to Jesus Christ . UniusRei3 posted a comment 1 hour ago [You can not afford , That, this may one day become a trauma for you] Yes Jesus is God, the son of the living God, worthy to be Praised: " I am the Alpha and the Omega, the beginning and the end who is ... and who was and who is to come, the Almighty "(Rev 1.8). "Surely I am coming quickly" Amen. Even I know Jesus as Lord ! (Rev 22, 20) . Jesus Christ is God, He is the Son of God. He is part of the holy trinity. God the Father , God the Son, and God the Holy Spirit! Jesus was not just man, He was God in human form. (Ie ONLY ONE GOD)
  • NoahTheNephilim 
    NoahTheNephilim ha pubblicato un commento 
    40 secondi fa
    @ YHWH my holy God, etc. .. -> Jesus is Lord! Jesus is the King of Glory! Jesus is the King of Kings! This is a very beautiful song. This is love for Jesus. All Glory to Jesus Christ. UniusRei3 posted a comment 1 hour ago [ you can not afford, That, this may one day become a trauma for you ] John from 1.29 to 34. If you believe in God, not trying to debate this issue but very curious as to what God are you referring to? Also I do not Understand how Christianity is a religion of occupation. The term " christian" means-Christ-like. Christians strive to be Christ-like. Romans 9,5 say Jesus is God's, Hebrews1 says the angels praise him! and us "humans" are not going to? Even if you do not wan't : to the word of God: says you will have: to one day bow to your knees before Jesus
  • NoahTheNephilim 
    NoahTheNephilim ha pubblicato un commento 
    2 minuti fa
    WOWfunning --- sorry no! bad video: never more! @CIA IMF synnek1 kkk 666 -- everyone knows that I am not paid by anyone! Today, you have already given: the sad spectacle of being mentally unbalanced, and yet I have not done anything against you, yet!


  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    so, not having: my mentally structured categories! I am forced to process the data, all the moral motives of virtue, that is, all the motives of the moral: always: in a rational way: through my personal relationship with God! But, God is a person and he wants a personal relationship with everyone here because it is essential, to build the Jewish temple! because its structure is a mirror to human nature (spirit, soul and body)
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    Synnek1 --- space, time, culture, fashions, trends, ideologies: Faiths: Identity: Nationality: races? all these things, do not make me a prisoner! because: I am a man without categories structured mental! here's why: I'm invincible! spazio; tempo; culture; mode; tendenze; ideologie: religioni: identità: nazionalità: razze? tutte queste cose, non fanno di me un prigioniero! perché: io sono un uomo senza categorie mentali strutturate! ecco perché: io sono invincibile!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    Synnek1 [(Satanism institutional THE CANNIBAL: THE MASONIC SYSTEM OF BANKing seigniorage: ie; ) Masonic dictatorial regime: for the violation of all the most important amendments of the Constitution: is why, since losing monetary sovereignty: mean turning: all the political prostitutes)] has posted a comment: 6 hours ago: THE BIGGEST THREAT = The goddamned ------------> UNIUSREI WAKE-UP! Sheeple! - ANSWER -> LOL. @ jews -> sorry, lol. ABOUT, YOU HELD ME: HOW THE king of the Jews: for Have Been Able to buy: my silence about the announcement of the Gospel? lol. honestly, I Have not Decided, yet: if, you do or not: the experience of 3 ° to War World, and nuclear, and revolutions and civil wars: all his related: that: the poor will be forced to do: Against: the richest, in all States!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    MarlaMarleen -- synnek1 knows very well that I do not hate anybody! and that I would not want to hurt anyone! He has the assurance of my love: because we are on this page from two years! however, is quite pathetic their obstinacy: to do the criminals Satanists, and criminal Freemasons, but, so I will see: that, extent to which: may be reached: their resistance to pain! synnek1 sa molto bene: che io non odio nessuno! e che io non vorrei fare del male a nessuno! lui ha la certezza del mio amore: perché noi siamo su questa pagina da due anni! tuttavia, è alquanto patetica la loro ostinazione: di rimanere i criminali massoni e i criminali satanisti: ma io vedrò : fino a che punto: potrà giungere: la loro resistenza al dolore!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    UniusRei3 has published a comment 1 week. ago [the stench of sulfur ] youtube IMF 666 CIA 322: Synnek1 ( : CIA is youtube master IMF) has published a comment: 1 hour ago : " WE WILL NEVER FORGET motherfucker! " - Answer -> Yes, I KNOW , " YOU ARE AN LEGION of demons " of failed! Because if you: (Satanists freemasonry) Were something of true value ? you would have Conquered the plane , Already too long ago! but, that's the truth: "You are the eternal losers ! " what I feel ? is just a terrible stench of dead bodies and burnt human flesh : because only for your: big ass broken : They may think : that the favor of Satan can be durable ! and now ? You have this whole page to show once again on: when you're an asshole ! YOUTUBE SHIT , DIRTY imf 666 - YOU ARE VULGAR ? It is BECAUSE YOU ARE LOSING ! you're a loser Because You're gross ! hallelujah