TG 24 Siria
è su Facebook.
Per connetterti con TG 24 Siria, iscriviti subito a Facebook.
RegistrazioneAccedi
Immagine di copertina

TG 24 Siria

TG 24 Siria
1.268 "Mi piace" · 2.442 ne parlano


  1. Foto: ESCLUSIVO IN LINGUA ITALIANA - LEADER DI AL-QAEDA NELLO YEMEN: “GRAN MOVIMENTO NELLA REGIONE (QATAR-ARABIA SAUDITA): TRASFERIMENTO DI MILIZIANI DI AL-QAEDA DALLO YEMEN IN SIRIA”
*
Uno dei più importanti leader di Al Qaeda nello Yemen, il capo tribale Tariq Fadli, ha rivelato di un accordo regionale che prevede il trasferimento di milizie di Al-Qaeda (“Ansar al-Sharia’a”, “i sostenitori della Sharia”) nello Yemen, dal sud dello Yemen in Siria.
Lui spiega dell’improvviso ritiro di queste milizie dal Governatorato di Abyan, dicendo  anche che non saranno ostacolati dalle forze armate dello Yemen e dell’Arabia Saudita durante il loro dislocamento.
Anche se non è stato esplicitamente detto quali siano le parti dell’accordo, possiamo essere automaticamente sicuri che esse sono il governo yemenita ed il Qatar, l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti.
Specialmente dopo che la stampa occidentale ha rivelato nei giorni scorsi che sembrava ci fosse un “ponte aereo”, finanziato dall’Arabia Saudita e Qatar, per spostare i “jihadisti”, da diverse regioni del mondo, nei loro campi d’addestramento stabiliti dalla CIA vicino a “Adana e Gaziantep”, due cittadine turche, in collaborazione con l’intelligence turca e con finanziamento saudita e qatariota.
È il miglior rapporto storico di cooperazione che Tareq al-Fadli abbia mai avuto con i servizi di intelligence saudita, come è evidente dal suo “Curriculum Vitae Jihadistico”, e possiamo dedurlo da quello che sta accadendo.
Al-Fadli ha dichiarato, in un’intervista esclusiva con il giornale yemenita “Adan Al-Ghad”, dalla sua residenza in una zona montagnosa vicino alla città costiera di Shakra, del ritiro improvviso dei gruppi armati dalle città di Zanzibar e Giaar, nella provincia di Abyan, in seguito all’accordo raggiunto.
I miliziani di al-Qaeda saranno trasferiti in Siria con l’obiettivo di combattere accanto agli altri gruppi mercenari armati, compresi i gruppi legati ad Al-Qaeda, contro il popolo siriano”.
E sull’attività finanziaria che sta svolgendo l’Arabia Saudita, a destra e a manca, in favore dei gruppi oscurantisti Salafiti e jihadisti  wahabiti, al-Fadili ha risposto: “il Re dell’Arabia Saudita è libero di fare quello che vuole dei suoi dollari ed ha la facoltà di  regalare soldi a chi desidera, siano essi capi religiosi, o leader politici, o qualunque cosa essi siano”.
Ma al-Fadili è andato oltre, sostenendo che “l’Arabia Saudita ha il diritto di compiere bombardamenti aerei all’interno del territorio yemenita in caso di autodifesa”, affermazione che è definita dal giornale yemenita “Adan Al-Ghad” come “un riavvicinamento all’Arabia Saudita”.
*
Traduzione dall’arabo in lingua italiana e inglese a cura di SyrianFreePress.net & Tg24Siria
VERSIONE INGLESE E FONTE ARABA AL LINK
http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/09/02/allerta-leader-di-al-qaeda-nello-yemen-gran-movimento-nella-regione-per-trasferimento-di-miliziani-di-al-qaeda-dal-sud-yemen-in-siria-alert-leader-of-al-qaeda-in-yemen-great-movement-in/

    • A Duccio Mallamaci Verduci, Joseph Alassad e altri 13 piace questo elemento.

      • Pedro Amnuel Mendoza Gutierrez questi sono dello yemen...mi pare che lo yemen non sia un paese dei bentigodi.

      • Francesco Cirabisi l'arabia saudita ha infiltrato per anni jihadisti in suolo yemenita per rendere estremisti tutti i combattenti della resistenza che combattono contro il governo dittatoriale yemenita appoggiato dagli usa.. in questo modo gli usa possono bombardare con i droni lo yemen con la scusa della lotta al terrorismo

  2. Foto: I MEDIA ITALIANI, OLTRE ALLA DISTORSIONE DEGLI EVENTI IN SIRIA, OSCURANO UNO DEGLI EVENTI POLITICI ED INTERNAZIONALI PIÙ IMPORTANTI.
*
TEHERAN - "Il vertice dei paesi Non Allineati che si è svolto a Teheran  è sicuramente uno degli eventi politici ed internazionali più importanti degli ultimi mesi e bisogna denunciare la mancanza di informazione in Italia riguardo al vertice ed in quanto i media occidentali spingono in linea di propagandare la situazione di isolamento internazionle dell’Iran sicuramente un’ evento di questo genere che ha coinvolto più di cento paesi contrasta con questa visione che l’Occidente vuole dare al pubblico". Queste le parole di Mahdi Aiello membro dell’associazione Imam Mahdi e titolare della casa editrice Erfan edizioni in un’intervista telefonica a Radio Italia dell’IRIB. E' disponibile attraverso il link sottostante l'audio integrale dell'intervista su radio IRIB http://italian.irib.ir/analisi/interviste/item/112754

  3. TG 24 Siria ha condiviso un video di Am-not-yours
    Syrie: un avion qatari, bourré de munitions, saisi au Liban(vidéo)
    Source: IRIB FRANCE

  4. TG 24 Siria ha condiviso un link.

    • A Bolla Rossa, Tika Ruma e altri 9 piace questo elemento.

      • Mirco Angelini Certamente non ho dubbi...
        4 ore fa · 1

      • Mouwaten Souri 
        Le potenze mondiali colonialiste aiutate da una Europa totalmente assogettata al volere e potere della lobby sionista, nel quadro di un grande progetto di distruzione della Siria per conto di israele, vuole imporre una rivoluzione che il po...Visualizza altro


  5. Foto: ATTIVITÀ DI SPIONAGGIO CONTRO LA SIRIA, DA PARTE DI FRANCIA-NATO E PETROLMONARCHIE, SEGNALATE AL CONFINE LIBANESE
* 
Esperti e tecnici della Francia e del Qatar stanno installando apparecchiature e stazioni mobili di trasmissioni satellitari, con telecomunicazioni di tecnologia avanzata a Wadi Khaled e Tilal Akroum, in Libano, che hanno lo scopo di disturbare i segnali radio dell’esercito siriano e quelli dei canali satellitari siriani e libanesi che sostengono la Siria.

Oltre al disturbare i segnali e frequenze radio, queste attrezzature hanno lo scopo di spiare le telecomunicazioni dell’esercito e fornire informazioni logistiche ai terroristi, per facilitare i loro crimini organizzati contro la Siria.

Con il finanziamento e copertura dell’intelligence del Qatar, esperti e tecnici francesi hanno già iniziato l'installazione di questi strumenti di trasmissione satellitari nella zona nord del Libano. 

Da sottolineare che queste stazioni operative sono collegate con ripetitori e stazioni radar situate nei territori occupati della Palestina.
*
SyrianFreePress.net Network & TG24Siria
http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/09/03/attivita-di-spionaggio-contro-la-siria-da-parte-di-nato-e-petrolmonarchie-segnalate-al-confine-libanese-natopetrolmonarchies-espionage-activity-against-syria-reported-on-the-lebanese-border-ita/
*

  6. Foto: Siria – 3 settembre 2012 – Nuovo attacco terroristico a Damasco.
*
Un attentato terroristico ha avuto luogo ad al-Mahdi Street, vicino al battaglione di guardia in zona Abu Rommaneh, periferia di Damasco.

L’attentato terroristico è stato causato dall’esplosione di due ordigni esplosivi e ha provocato il ferimento di 4 persone.

Ieri, 15 civili sono stati uccisi, mentre altri sono rimasti feriti, nell’esplosione di un’autobomba ad al-Sbaineh zona, nella campagna di Damasco.

*
SyrianFreePress.net Network & TG24Siria
https://syrianfreepress.wordpress.com/wp-admin/post.php?post=7372&action=edit&message=6&postpost=v2
  7. BBC Scrubs Video Of US Backed Terrorists In Syria Committing War Crimes

    The BBC and the NY Times has scrubbed this video and the accompanying story altogether, removing the video and the story all together. Down the memory whole.

    The vide...Visualizza altro

  8. Foto: ESCLUSIVO IN LINGUA ITALIANA - LEADER DI AL-QAEDA NELLO YEMEN: “GRAN MOVIMENTO NELLA REGIONE (QATAR-ARABIA SAUDITA): TRASFERIMENTO DI MILIZIANI DI AL-QAEDA DALLO YEMEN IN SIRIA”
*
Uno dei più importanti leader di Al Qaeda nello Yemen, il capo tribale Tariq Fadli, ha rivelato di un accordo regionale che prevede il trasferimento di milizie di Al-Qaeda (“Ansar al-Sharia’a”, “i sostenitori della Sharia”) nello Yemen, dal sud dello Yemen in Siria.
Lui spiega dell’improvviso ritiro di queste milizie dal Governatorato di Abyan, dicendo  anche che non saranno ostacolati dalle forze armate dello Yemen e dell’Arabia Saudita durante il loro dislocamento.
Anche se non è stato esplicitamente detto quali siano le parti dell’accordo, possiamo essere automaticamente sicuri che esse sono il governo yemenita ed il Qatar, l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti.
Specialmente dopo che la stampa occidentale ha rivelato nei giorni scorsi che sembrava ci fosse un “ponte aereo”, finanziato dall’Arabia Saudita e Qatar, per spostare i “jihadisti”, da diverse regioni del mondo, nei loro campi d’addestramento stabiliti dalla CIA vicino a “Adana e Gaziantep”, due cittadine turche, in collaborazione con l’intelligence turca e con finanziamento saudita e qatariota.
È il miglior rapporto storico di cooperazione che Tareq al-Fadli abbia mai avuto con i servizi di intelligence saudita, come è evidente dal suo “Curriculum Vitae Jihadistico”, e possiamo dedurlo da quello che sta accadendo.
Al-Fadli ha dichiarato, in un’intervista esclusiva con il giornale yemenita “Adan Al-Ghad”, dalla sua residenza in una zona montagnosa vicino alla città costiera di Shakra, del ritiro improvviso dei gruppi armati dalle città di Zanzibar e Giaar, nella provincia di Abyan, in seguito all’accordo raggiunto.
I miliziani di al-Qaeda saranno trasferiti in Siria con l’obiettivo di combattere accanto agli altri gruppi mercenari armati, compresi i gruppi legati ad Al-Qaeda, contro il popolo siriano”.
E sull’attività finanziaria che sta svolgendo l’Arabia Saudita, a destra e a manca, in favore dei gruppi oscurantisti Salafiti e jihadisti  wahabiti, al-Fadili ha risposto: “il Re dell’Arabia Saudita è libero di fare quello che vuole dei suoi dollari ed ha la facoltà di  regalare soldi a chi desidera, siano essi capi religiosi, o leader politici, o qualunque cosa essi siano”.
Ma al-Fadili è andato oltre, sostenendo che “l’Arabia Saudita ha il diritto di compiere bombardamenti aerei all’interno del territorio yemenita in caso di autodifesa”, affermazione che è definita dal giornale yemenita “Adan Al-Ghad” come “un riavvicinamento all’Arabia Saudita”.
*
Traduzione dall’arabo in lingua italiana e inglese a cura di SyrianFreePress.net & Tg24Siria

http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/09/02/allerta-leader-di-al-qaeda-nello-yemen-gran-movimento-nella-regione-per-trasferimento-di-miliziani-di-al-qaeda-dal-sud-yemen-in-siria-alert-leader-of-al-qaeda-in-yemen-great-movement-in/

    Foto

    Foto

    Foto

    • A Duccio Mallamaci, Duccio Mallamaci Verduci e altri 4 piace questo elemento.